Resistente nel tempo

e i miei amici io li ho chiamati piedi
perché ero felice solo quando si partiva...
(analfabetizzazione - claudio lolli)




mercoledì 20 aprile 2022

Le fettuccine di Catarina

Dite la verità, pensavate che avessi sbagliato la lettera A giusto? 😀 Forse non tutti, ma sicuramente qualcuno che lo ha pensato c'è 😉 Come sicuramente ci sarà qualcuno che, leggendo il titolo, avrà pensato di trovare nel post anche la foto di un bel piatto di tagliatelle, che in Abruzzo si preferisce chiamare fettuccine 😋 No, non c'è nessun piatto qui sotto, anche se la storia vissuta in un paesino dell'entroterra abruzzese che sto per raccontarvi ne ha molto a che fare, e non è un errore la A al posto della E 😊

Catarina è il modo in cui viene chiamata in dialetto castiglionese una donna che si chiama Caterina! Dialetto castiglionese, ovvero quello di un piccolo comune della provincia di Pescara che si chiama Castiglione a Casauria, di cui dopo vi mostrerò uno scorcio per me molto importante.

Questa Caterina di cui vi sto per raccontare è una delle signore per bene d'altri tempi a cui ho voluto più bene in vita mia! E so anche benissimo quanto me ne ha voluto lei 💓 E' mancata qualche anno fa, ma resterà per sempre nel mio cuore e nei miei ricordi più belli!

Caterina

Caterina era la mamma del mio amico Gianni, che vi "presentai" in uno dei primi post di questo blog 💓 Lei, suo marito Mimì, e i loro figli Gianni e Annamaria, miei amici del cuore, abitavano appunto a Castiglione a Casauria, proprio in questa strada che vedete nella foto qui sotto e che è una delle tre uscite dal paese.

Castiglione a Casauria (foto di Raffaele Di Loreto)

La loro era una di quelle case sulla sinistra, in cui si viveva sempre un'aria di paese, fatta di semplicità e amicizia, anche se ovviamente i pettegolezzi non potevano mancare 😂 Soprattutto quando nei primissimi tempi in cui io frequentavo la loro casa abitava con loro una zia, chiamata zì Marietta...non vi sto a raccontare quanti "Catariiiiiiiii....." volavano durante la giornata, perché zia Marietta aveva sempre da ridire, e Gianni spesso la riprendeva con un altrattanto sonoro "zì Marieeeee....e basta mo'" 😂 Oppure Mimì, che da ex fumatore non sopportava più le sigarette e quando entrava in bagno puntualmente diceva "Chi ha fumét? Giààààààà...Annamarìììììì..." 😂😂

Quante volte io e mio fratello Michele siamo stati lì, anche per interi weekend, in cui le ore di risate superavano abbondantemente tutte le altre! E dormivamo in tre in un letto matrimoniale!

Michele, Gianni e io

Caterina cominciò a volermi bene praticamente dal primo giorno, e ogni volta che arrivavo il suo "Nicoooooo" rimbombava per tutto il vialetto! Se per qualche motivo non eravamo potuti andare, chiedeva sempre a Annamaria e Gianni "Ma Nico i Michel n'hann vinut?" oppure "quando vengono?". Spesso io e lei ci siedevamo a fare due chiacchiere davanti al camino, e lei mi raccontava le sue vicissitudini, mi diceva che zia Marietta aveva rotto eheheh, oppure che la pianta aveva fatto meno peperoncini rispetto agli anni precedenti (Mimì ne andava matto e li mangiava pure da soli col pane, e anche a me non dispiacevano), o anche affettuosamente mi chiedeva come stavano a casa o che ci avrebbe voluto lì tutte le domeniche! Una signora d'altri tempi, che dava tutta sé stessa per le persone a cui voleva bene 💓

E ora arriviamo al punto! Caterina quando stava ai fornelli si trasformava, preparare da mangiare e vedere gli altri apprezzare la rendeva immensamente felice! Ci faceva sempre trovare qualcosa quando arrivavamo, ciambelloni e crostate che aveva fatto lei, e nei periodi natalizio e pasquale soprattutto non potevano mancare i calcionetti abruzzesi ripieni di marmellata d'uva ma soprattutto ripieni di farina di ceci come piacevano a me. Ma il suo cavallo di battaglia era uno!!! 😍 Appunto le fettuccine di Catarina! Guai ad andarle a comprare già fatte, un sacrilegio (ma quando raramente non è stata bene cedeva, perchè era impossibile non fargliele "quando viniv Nico" 😂💕). Proprio così, quando dovevamo andare il suo primo pensiero dalla mattina era quello di farmi trovare le fettuccine ("perché a Nico gli piacciono")! In effetti erano buonissime, col suo ragù rigorosamente senza bucce (lei lo sapeva benissimo che non le reggevo) e l'olio di peperoncino sopra, e io ne mangiavo anche 3 o 4 piatti pieni (mio fratello Michele non ce la faceva eheheh) rendendola immensamente felice! 😂 D'altra parte me lo potevo permettere, visto che ero alto 1 metro e 93, pesavo 80 chili e porca miseria non ingrassavo per niente! 😤 Poi subito dopo immancabile la sua insatata di pomodori, con quel basilico che si sentiva per tutta la casa. 

Quindi queste fettuccine di Catarina sono rimaste famose nel tempo per la loro bontà e per tutto l'affetto che c'era dietro...ma lo divennero anche per un secondo motivo abbastanza simpatico! Finita l'Università e il servizio militare, dovetti trasferirmi a Milano per lavoro, e di conseguenza non potevo più andare a casa di Gianni e Annamaria tutte le domeniche! Ma, e qui viene il punto, il mio metabolismo ha cominciato piano piano a cedere. Andavo sempre da Gianni e Annamaria quelle volte che potevo, ma...3 o 4 piatti di fettuccine colmi non ce l'avrei più fatta a mangiarli. Caterina ha continuato a farmele ogni volta...però la prima volta che mi fermai a due alla fine mi disse convinta "Nicooooo, non ti sono piaciute?" 😂😂😂 Tutti giù a ridere quel giorno, so che Annamaria, mia amica del cuore, quando leggerà queste ultime righe, si farà una valanga di risate! E tantissime risate si faranno sua figlia Margherita (che è uguale uguale a Gianni 💓) con il marito Alessandro, a cui voglio tantissimo bene (non vedo l'ora di conoscere finalmente la loro bimba Anna), suo figlio Umberto, e tutti coloro che c'erano o che sapevano di questa tradizione delle "fettuccine per Nico"! 😂

Catarì, è stato un onore per me fare parte della tua vita! 💓

17 commenti:

  1. Hai fatto bene a raccontare questa storia: ci sono persone che non fanno scoperte straordinarie, non entrano nei libri di storia, ma rendono il mondo un posto migliore ogni giorno, con semplicità, condividendo affetto e ottimismo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello che va dalla fine della maturità alla fine dell'Università è stato uno dei periodi più belli della mia vita! Grazie Sara per essermi sempre vicina con le tue parole

      Elimina
  2. A tratti sembra un racconto di John Fante, originario anche lui dell'Abruzzo, e quelle fettuccine mi hai fatto venire voglia di mangiarle, e poi i peperoncini con il pane, che adoro, i pomodori con il basilico. Che invidia poi, a chi mangia e non ingrassa, mannaggia a loro ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah giustissima osservazione Diego, mangiare e non ingrassare! Ormai per me sono tempi andati ahimé 🙄 Io è da un po' di anni che sostengo che lo sanno fare tutti di dare diete e togliere il cibo. La vera innovazione consisterebbe nel trovare il modo per dimagrire senza dieta 😅

      Elimina
    2. Se la trovi, fammi un fischio!

      Elimina
  3. Ricordi che rimangono per sempre
    Anche quattro piatti di fettuccine al ragù mi rimarrebbero a lungo, ma i ricordi...
    😉

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quel periodo della mia vita Alberto, ti parlo di circa 40 anni fa, è stato tutto così speciale per me e mio fratello...e come dicevo a Diego non si ingrassava! Poi la dolcezza di una donna come Caterina non passava inosservata a nessuno! 😍

      Elimina
  4. Nico non vale, innanzitutto anche io ho passato parte della mia infanzia a Castiglione, poi mi cacci fuori i cauciunitt con i ceci e mi si apre una voragine... come al solito mi fai fare una scorpacciata di ricordi (che sono tuoi ma appartengono alla gente semplice della mia terra che tanto amo). Ti voglio bene

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo sapevo che leggendo questo post ti saresti emozionata, perchè mi dicesti tempo fa che Castiglione è stata importante anche per te! Ti voglio troppo bene pure io ❤️ Anche io tuttora ho questa voragine Saretta, li cavciunitt ng li cic mi mancano troppo, ma anche i fiadoncini, sia quelli dolci che quelli normali! Come direbbe un mio ex collega, sfondi un portone sfondato 😂 Spero di divererti presto, ho voglia di coccolare ancora Mati ❤️

      Elimina
    2. ... e che piacere rileggere Sarah, dopo molti anni...

      Elimina
  5. Che tenerezza. Quanta storia e quanto amore c'è un queste fettuccine.
    Altri tempi, come dici tu, purtroppo...
    Ciao Nico!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero Pia, altri tempi! Caterina era di una dolcezza indescrivibile, e quando amava non sapeva controllarsi e lo doveva dimostrare in tutti i modi! Pensa, tuttora Annamaria e Margherita continuano a pensare di volermele fare quando ci vedremo ❤️ Grazie della tua affettuosa presenza!

      Elimina
  6. Mi è venuta fame: fame di viaggi, fame di sentimenti, fame di tagliatelle.😂
    Bello questo tuo racconto di vita, di ricordi e di affetti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eccoti Berica, grazie mille come sempre di esserci! Ah quelle fettuccine!!! 😋 Vorrei che un abbraccio forte partisse da qui a Roma e facesse 500 chilometri fino a Vicenza! Sono contento di essere tornato, e voi ne siete la prova tangibile! Ti abbraccio forte prof ❤️

      Elimina
  7. sono storie che meritano di essere raccontate caro Nico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Luca! Come scrisse Guccini "E poi disse al vecchio con voce sognante: Mi piaccion le fiabe, raccontane altre!" chiudendo "Il vecchio e il bambino". Ecco, anche se non sono fiabe ma storie vere, voglio raccontarne ancora!

      Elimina
  8. Che strana sensazione imbattersi casualmente girando per blog, in una storia che sembra quasi scritta da te stesso. Ho vissuto l’adolescenza in un ambiente molto simile a quello, anche se molto lontano e con un dialetto completamente diverso. Tutti, credo, abbiamo avuto una Catarina, che poteva essere una zia o anche la mamma di un compagno di scuola, ma che cucinava sempre qualcosa di speciale meglio di tua madre. Naturalmente non dovevi dirglielo… a tua madre.

    Mi è venuta questa considerazione in un battibaleno, notando un particolare sullo sfondo della foto con i tre ragazzi. Si intravede un giradischi che credo abbiano avuto la maggior parte dei giovani degli anni 70. Lo si comprava a rate su una nota rivista, era praticamente l’impianto stereo entry level di allora. Entry level naturalmente voleva dire “per il momento mi posso comprare solo questo”, però ci si accontentava e li sopra girava di tutto: De André , Guccini, PFM, David Bowie, Deep Purple, Pink Floyd.

    Col crescere rimpicciolivano le ore della notte, si tirava tardi ad ascoltare quei dischi e nottetempo si saccheggiava la cucina della Catarina di turno. Che sembrava non capire ma invece lasciava sempre qualcosa di pronto, così, per caso.

    RispondiElimina