Resistente nel tempo

e i miei amici io li ho chiamati piedi
perché ero felice solo quando si partiva...
(analfabetizzazione - claudio lolli)




sabato 8 gennaio 2011

Per Ivonne e Alby

Vi voglio bene ragazzi! Non arrendetevi!



Anche di questa scoperta devo ringraziare due persone. La mia Maria e il mio amico Ezio.

Aggiorno qui includendo anche la versione Youtube segnalata appunto da Ezio (grazie).

20 commenti:

  1. O il gatto che dorme (si è appena addormentato), dopo vengo a senrirli...
    parola di verifica: procace

    RispondiElimina
  2. Unisco la mia voce a quella di nico!

    RispondiElimina
  3. Qui si sente un po' meglio :-)

    http://www.youtube.com/watch?v=sx4W8zOFqhY

    Quand'ero piccolo sentii nel vicolo
    parole luride volare via:
    Che piezzo 'e chiàveca! Che figlio 'e zoccola!
    Si 'a mmerda 'e ll'uommene! E così sia.
    Però credetemi, quand'ero piccolo
    volgare in pubblico io non fui mai,
    mio padre un pudico, mammà una monaca,
    gente cattolica, onesta e pia..
    Ah! Senza retorica fummo il ritratto della borghesia.
    Ah! Senza retorica fummo l'esempio della borghesia.
    Quand'ero piccolo dicevo al massimo
    Mannaggia al diavolo! Che porcheria!
    Ma piezzo 'e chiaveca e figlio 'e zoccola
    sapevo chiuderle in mente mia.
    Facevo il chierico e ogni domenica
    servivo un parroco di via Foria,
    ma poi un sabato, dopo la predica,
    lo vidi fottere in sacrestia..
    Ah! Che piezzo 'e chiàveca! Uscì di colpo dalla bocca mia.
    Ah! Che piezzo 'e chiàveca! Uscì quel giorno dalla bocca mia.
    Ho fatto il classico ed in quell'ultimo
    anno scolastico '76
    per dare l'anima ad un politico
    il voto minimo fu 36.
    Ma ero giovane e mi imbottivano
    di grosse pillole d'ideologia,
    mentre il politico coi soldi pubblici
    in sud America volava via..
    Ah! Che figlio 'e zoccola! Uscì di colpo dalla bocca mia.
    Ah! Che figlio 'e zoccola! Uscì quel giorno dalla bocca mia.
    Quand'ero piccolo sentii nel vicolo
    parole luride e le imparai
    ma 'a mmerda 'e ll'uommene è stata l'unica
    che nel mio lessico non misi mai.
    Però domenica sfoglio Repubblica
    e in terza pagina senza allegria,
    leggo la cronaca di quel pedofilo
    che non può prendere la polizia..
    Ah! Sì 'a mmerda 'e ll'uommene! Esce di colpo dalla bocca mia.
    Ah! Sì 'a mmerda 'e ll'uommene! Esce quel giorno dalla bocca mia.

    RispondiElimina
  4. Oh, Nico,
    sono venuta qui per salutarti e ho fatto bene: acci, dal feed non avevo ricordato subito Federico Salvatore!
    Che bravo, mi piaceva tanto anche lui! Ummmhh... ma che anni erano?? Bene bene, sono vecchia ma non mi disturba quando vengo a leggere qui!
    ps: ma non fraintendere eh! :) :-)
    g

    RispondiElimina
  5. Il tuo blog è un serbatoio sempre pieno di canzoni eccellenti. :)

    RispondiElimina
  6. Federico Salvatore è un grande Alli, merita davvero! E l'album in oggetto la dice lunga sul fatto che la sua popolarità, dopo, sia declinata a causa del potere!

    Grazie zio! Il blog di Yvonne e Alby è stato chiuso definitivamente. Spero davvero che riescano a risollevarsi e a ritornare fra noi!

    Grazie Ezio! Ora aggiorno il post e ci attacco anche il video che hai postato tu. Non lo avevo messo inizialmente perché non mi erano piaciuti parte dei commenti su YouTube, ma in effetti si sente molto meglio.

    RispondiElimina
  7. Ma che vecchia e vecchia professoressa Giovanna! Sicuramente non quanto non lo sia io! Si tratta sempre di questo decennio. Grazie per il continuo sostegno, che come sai è ampiamente ricambiato :)

    Ross cara, lo sai, i tuoi commenti mi fanno sempre diventare rosso! Grazie come sempre. Se ascolti l'aggiornamento che ha segnalato Ezio, la canzone è esattamente come nell'album.

    RispondiElimina
  8. Solo un saluto Nico, mio malgrado e di riflesso sono stata scocciata da una piattaforma dove le "vittime" avevano inserito di tutto e di più.

    Mi sono limitata a cancellare l'invito, rogne finite.

    Notte buona amico mio.;-))

    RispondiElimina
  9. Ernest ciao, lo so che come musica i nostri gusti si intersecano abbondantemente! Grazie!

    Ciao Tina, posso immaginare come devi esserti incazzata anche tu per le intrusioni. Nel caso di questi due ragazzi c'era un blog bellissimo, di cui faceva parte tutta la famiglia, che comprendeva anche i loro piccoli! Terreno fertile per certi tipi di intrusione di certe "'mmerd 'e ll'uommene", come dice Federico.

    RispondiElimina
  10. mi dispiace moltissimo.
    ciao Nico un abbraccio.
    Ale

    RispondiElimina
  11. Che bella! l'espressione in parole e musica delle 'chiàveche d'uomini' esistenti in tutte le salse! ;)

    RispondiElimina
  12. Grazie, semplicemente grazie Nico.

    RispondiElimina
  13. Davvero una brutta storia Alessandra, una di quelle che purtroppo sempre più spesso si vedono in rete :(

    Già Milena, a mmerda e 'll uommene è una delle espressioni napoletane che meglio descrive certi soggetti!

    Caro Alberto, grazie a te per esserci, per quello che scrivi e che, soprattutto, denunci!

    Sì Maraptica, Federico Salvatore è stata una bella scoperta, e questo brano è secondo me una delle sue perle.

    RispondiElimina
  14. Un ottimo 'pezzo' e, soprattutto, più che mai valido.
    Grazie per avermi messa tra i 'piedi'.

    Cristiana

    RispondiElimina
  15. "...e così sia". Bellissimo pezzo, non me lo ricordavo proprio!

    RispondiElimina
  16. Non potevo non metterti tra i piedi Cristiana! Dici troppe cose che penso anch'io.

    Canzone dimenticata ma molto attuale Turista. Vedo dal tuo blog che abbiamo parecchie cose in comune, in particolare il modo di viaggiare e la simpatia per i posti meno noti.

    RispondiElimina
  17. Ciao Nico! sono passata perché ci tenevo a mandarti un saluto! Sara

    RispondiElimina