Resistente nel tempo

e i miei amici io li ho chiamati piedi
perché ero felice solo quando si partiva...
(analfabetizzazione - claudio lolli)




lunedì 2 febbraio 2015

I fazzoletti di papà

E' un po' che non parlo di mio padre, non è stato facile accettare la sua scomparsa per diversi anni, e quello che scrissi nel mio post subito dopo la sua morte ha contribuito per fortuna a rendere quest'assenza meno priva di significato, forse perché dentro di me non è un'assenza. Io vivo di tutto quello che mi ha insegnato, non ultimo il fatto di sbattermene se non sono gli altri a cercarmi e lo debbo fare sempre io, e anche Maria in questo è come me. Forse è per questo che papà la chiamava affettuosamente Mariuccia :-)


C'è anche un'altra cosa che è stata una manna per accettare meglio il fatto di non ricevere più la sua telefonata domenicale, di non avere più i suoi auguri di compleanno la sera prima, di non poterlo più portare con me durante qualcuno dei miei viaggi di lavoro, di non vederlo chiamare tutte le persone a cui voleva bene senza aspettarsi di essere ricambiato. Ve la racconto in un minuto. Qualche mese prima che lui se ne andasse ho fatto una cosa fondamentale per poter essere fiero di me stesso, una grossa iniezione di autostima. Lui era abituato ad andare a Messina a trovare sua sorella, alla quale telefonava tutti i giorni alle 7:40 di mattina, e i suoi cari, almeno tre volte l'anno, per le feste comandate più qualche settimana in estate.

Zia Maria e papà

Da quando arrivarono i primi sintomi della SLA, circa un paio d'anni prima, lui non riuscì più a fare questo viaggio, e ne soffrì particolarmente, lo si capiva da ogni suo discorso e ogni suo riferimento alla zia Maria, sua sorella. E così per Pasqua prenotai il volo Roma-Catania e ritorno, chiesi assistenza per lui in aeroporto, noleggiai una macchina a Catania, prenotai un agriturismo per me e lui e lo portai tutti i giorni da sua sorella e dai parenti. Anche se si vergognava a farsi vedere così, la felicità nell'aver potuto ancora fare questa cosa superò ogni indugio. Furono 5 giorni difficili, sia per me che per lui, ma secondo voi avrei mai potuto perdonarmi di non avercelo portato? Una cosa bella è che esiste ancora nel mio disco fisso la directory "Viaggio con papà", con tutti i documenti del viaggio...e questo post mi è venuto in mente sia perché ho appena rivisto questa cartella, come faccio di tanto in tanto...

...sia soprattutto perché ho appena tirato fuori dalla tasca un fazzoletto.

Uno dei fazzoletti di mio padre

Confesso che questa è una mia mania pazzesca, non ci posso fare niente, ma mi piace tanto :-)  A lui non piacevano i fazzoletti di carta, anche se forse è vero che sono più igienici, e non piacciono nemmeno a me :-) Mia madre mi ha dato i suoi fazzoletti qualche anno fa, sapeva che io ci tenevo, e tuttora non riesco a separarmene. Guai se durante ogni mio viaggio, sia di lavoro che di piacere, in aereo, in macchina o in treno, io non abbia in tasca un suo fazzoletto. Sarei capace di tornare indietro a casa a prenderlo anche se sono già a metà strada da casa all'aeroporto per esempio. Non lo so, è come se in qualche modo lui mi proteggesse!

29 commenti:

  1. Nico ho letto il post e come un fulmine ho rivisto i fazzoletti di mio nonno. Gli stessi. E i ricordi oggi sono belli sotto un'altro punto di vista: i tuoi richiamano i miei e si amplificano. Infiniti modi di sorridere ancora :)

    RispondiElimina
  2. Mi hai fatto commuovere col tuo piccolo dolce commento! :-) Grazie @Saretta un bacio

    RispondiElimina
  3. Ok, provo a ricommentare ora :D
    Dunque zio, ho letto l'articolo e mi è piaciuto tantissimo. Non è buffo avere tanto a cuore quei fazzoletti, perchè ognuno di noi ha il suo modo di ricordare indelebilmente una persona cara. Dev'esser stato bello anche quel viaggio, particolare solo perchè l'ultimo, altrimenti avrebbe avuto lo stesso sapore di tutti gli altri. Come scrivevi nel post precedente sul tuo papà, devi esser ben contento di non aver rimpianti, di avergli detto tutto e di aver fatto tutto per lui. Di sicuro te ne sarebbe grato.

    Ti voglio bene!
    La tua nipotina.

    RispondiElimina
  4. Cara @Anto, ci tenevo particolarmente che come mia nipotina acquisita tu leggessi subito questo post e lo hai fatto! Grazie! E' tutto vero quello che dici, del resto è vero che ognuno ha le sue manie eheheh :) Quel viaggio non me lo scorderò mai! Mi ricordo quando, al ritorno, per non farlo cadere lo dovetti rincorrere all'aeroporto di Catania perchè stava andando al bagno da solo! Quanto ridemmo io e lui in aereo per questa cosa :-))) Ti voglio bene anch'io!

    RispondiElimina
  5. Grazie per averci regalato questo bellissimo post, commovente come un romanzo.
    Un grande abbraccio, con un fazzoletto (non di carta) in mano per le lacrime.

    RispondiElimina
  6. Mio caro amico zio @Nick, è sempre un onore ricevere i tuoi commenti, mettono leggerezza soprattutto quando fanno capire quanto siamo vicini io e te! E infatti sai una cosa, ogni tanto penso che anche a me piacerebbe leggere un post dedicato alla tua mamma con il tuo stato d'animo di adesso! Ti abbraccio

    RispondiElimina
  7. Bella descrizione di affetto filiale, quello vero, quel magico miscuglio di amore-gratitudine-rispetto che solo un genitore degno di questo nome può suscitare.
    Tenerissimo e comprensibilissimo da parte mia, che a volte esagero delegando ad oggetti poteri straordinari, l'attaccamento al "fazzoletto-magico"
    Un abbraccio.
    Cristiana

    RispondiElimina
  8. Grazie delle belle parole @Cristiana! Hai azzeccato in pieno, è sempre stato magico l'affetto che legava me e mio padre! Anche se sicuramente è molto di più quello che lui ha dato a noi figli di quanto noi possiamo avere dato a lui, so che lui ha sempre sentito il nostro affetto. Non credo che si esageri quando ci si attacca a certi oggetti, indipendentemente da qualsiasi convinzione...per questo mi piace tanto la tua definizione di "fazzoletto-magico" :-)

    RispondiElimina
  9. Gran bel post, mi associo ai commenti degli altri... anche perché pure io sono senza padre da molti anni, e pure io uso ancora i fazzoletti di stoffa (non sapevo fossero più igienieci quelli di carta).

    RispondiElimina
  10. Non sapevo di tuo papà caro @Diego, però è bella questa cosa che ci sono tante piccole cose che in qualche modo accomunano noi del nostro piccolo gruppetto di blogger, tu, Sarah, lo zione, me... Se vorrai scrivere di lui avvisami che mi piacerebbe molto leggere! I fazzoletti di carta...sì, dicono che sono più igienici perché si buttano dopo l'utilizzo. Un abbraccio

    RispondiElimina
  11. capitato per caso in questo e blog e.....tanta emozione !!!!

    RispondiElimina
  12. Anche una piccola riga può dare emozione come hai fatto tu...sono contento che ti sia piaciuto, grazie @Valerio, appena posso vengo a leggere qualcosa da te!

    RispondiElimina
  13. Come ti capisco caro Nico..certe lacerazioni non si rimarginano mai e devi sempre avere vicino qualcosa della persona che ci ha lasciato , per sentirlo partecipe ancora di più della tua vita....
    Ti stringo forte forte!

    RispondiElimina
  14. Tu sei stato indubbiamente un ottimo figlio ma penso che il tuo indimenticato papà sia stato per te l'esempio che tutti i figli di questo mondo vorrebbero avere o avere avuto.
    Un salutone,
    aldo.

    RispondiElimina
  15. Bellissimo ricordo, Nico.
    un abbraccio

    RispondiElimina
  16. Bellissima testimonianza. Bellissima.

    RispondiElimina
  17. E' vero @Nella, queste lacerazioni non passano mai, e il bisogno di far vivere in qualche modo chi amiamo, non importa come, diventa congenito!

    Grazie @Aldo delle tue belle parole, è proprio così come dici tu che io continuo a vedere mio padre.

    RispondiElimina
  18. Grazie @Francesca, sono contento che tu abbia potuto leggere questo che in fondo è anche un ricordo legato strettamente alla tua Sicilia, alla nostra Sicilia! Ti abbraccio anche io :)

    Caro @Alberto, queste tue tre parole, nel modo in cui le hai scritte, hanno detto tutto dentro di me, grazie davvero di cuore.

    RispondiElimina
  19. Caro Nico dalle tue parole traspare tutto l'amore ed il rispetto che provi per tuo padre..è una bellissima testimonianza d'amore..grazie per averci resi partecipi di questo sentimento così puro ed intimo..

    un caro saluto

    RispondiElimina
  20. Nicone sei sempre un punto di riferimento... anch'io solo fazzoletti di tela!

    morte allo stato

    red

    RispondiElimina
  21. bella e meravigliosa abitudine.Io ne ho una simile, non posso andare in chiesa la domenica se prima non gli ho dedicato un a"ave"...

    RispondiElimina
  22. Caro Nico, anche per me, i fazzoletti di stoffa sono un medium con il passato recente.
    Il tuo post, letto cosi' tardi, mi ha commosso.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  23. E che posso fare se non abbracciarti omonimo!

    (anche io uso i fazzoletti di stoffa, non ci posso fare nulla)

    RispondiElimina
  24. Ciao Nico
    questo post mi ha fatto davvero bene al cuore... in ogni lettera di ogni parola si sente il bene per tuo papà.. fai bene a portarti dietro sempre i suoi fazzoletti è come se fosse sempre con te e sono sicuro che lo è..
    Ti abbraccio davvero forte amico mio

    RispondiElimina
  25. Grazie a te @Iulia per il tuo apprezzamento, è stato molto bello condividere questo mio momento qui. Del resto anche tu fai lo stesso ed è sempre una splendida cosa!

    Caro @Enio queste sono belle abitudini che ci aiutano tanto a vivere! Saluta la nostra Chieti!

    RispondiElimina
  26. Grande @Red, mi piace tanto questa cosa di trovarti ancora qui di tanto in tanto! Certo sarebbe ancora più bello se i minimoi termini tornassero :-) Ti abbraccio forte

    Grazie cara @Berica, fa bene al cuore sapere di averti provocato questi sentimenti di commozione. Lo sai fra l'altro che condividiamo parecchie cose, e ciò rende ancora più piacevole tutto. Un abbraccio anche a te

    RispondiElimina
  27. Che te devo dì @OmonimoMimmuzzo? Mi piace che non ci possa fare nulla neanche tu eheh :-)

    Non posso che ringraziarti anche io di cuore caro @Ernest, quello che mi hai scritto ha fatto bene anche a me Luca, soprattutto perché ho percepito quella affettuosa pacca sulla spalla di cui spesso c'è bisogno dai propri amici.

    RispondiElimina
  28. Mio padre aveva sempre un fazzoletto pulito in tasca, ne parlai nel post #per tutte le volte che#
    Bellissima cosa hai fatto per tuo padre, io invece ho il rimorso di non essergli stata più vicina in quegli ultimi mesi della sia vita

    RispondiElimina
  29. Grazie Silvia per aver condiviso con me il tuo ricordo, vado subito a cercare e rileggere il post! So cosa vuol dire quando non riesci a dire quello che vorresti e poi è troppo tardi. Sono però certo che lui ti ha sempre sentito. Un abbraccio

    RispondiElimina