Resistente nel tempo

e i miei amici io li ho chiamati piedi
perché ero felice solo quando si partiva...
(analfabetizzazione - claudio lolli)




martedì 18 agosto 2009

Papà


Una cosa che si dice quasi sempre è "non gli ho detto questo, non ho fatto quest'altro, non sono riuscito a chiarire, non ho avuto il tempo di...", come in una bellissima canzone di Lolli che nel suo sms, dandomi una forza incredibile e strappandomi un sorriso, mi ha fatto capire di essermi vicino semplicemente dicendomi che di morte lui se ne intende!

Ma per me una cosa bella c'è in tutto questo dolore. Non ho nessun rimpianto, nè tantomeno alcun rimorso. Nessuno! Tutto quello che volevo dirgli di bello gliel'ho detto, tutto quello che volevo fare per lui e con lui l'ho fatto, tutto l'amore che lui mi ha dato ha ricevuto! Ha sentito tutto. In silenzio. Quel silenzio che a me piace tanto ed è sempre piaciuto. Non è una fortuna che capita a tutti.


Nico

19 commenti:

  1. Ed io vorrei essere più grosso di te, per abbracciarti meglio.
    buonavita
    ezio

    RispondiElimina
  2. Di commenti non ne mando più, da nessuna parte o quasi. Però...però questo non è un commento. E' un silenzio. Le parole altrui non servono. Le parole sono solo tue e le hai già scritte.

    RispondiElimina
  3. Solo un abbraccio. L'ho saputo da tua sorella su FB, ma non mi sono sentito di scriverti un sms o di telefonarti (quoto Venturik).

    RispondiElimina
  4. Nico, in questi momenti è quando vedi chi è grande.... E si vede, si legge, si sente, si capisce, da questo tuo post, che tu, anche sempre l'ho saputo, ma oggi lo vedo ancora più chiara se possibile, sei un grande... un vero e proprio grande. E non parlo del tuo corpo.

    UN ABBRACCIO FORTISSIMO, AMICO !!!!

    RispondiElimina
  5. Nico,sono d'accordo con quello che scrive Riccardo ....però voglio mandarti un abbraccio e farti sapere che ci sono e che ti voglio bene.

    RispondiElimina
  6. Ragazzi, ringrazio di cuore tutti quelli che mi hanno espresso il loro affetto, sia qui (Riccardo, ho apprezzato molto che tu abbia fatto un'eccezione per me), sia dal vivo, sia tramite sms e telefonate. Ho sentito forte l'affetto di tutti.

    Voglio scrivere qui la canzone di Lolli a cui mi riferisco, dove lui in questo suo amore verticale (come ama chiamarlo) non ha però avuto il tempo... di avere la stessa fortuna che ho avuto io... sia alla fine, sia durante tutta la mia esistenza accanto a lui.

    Grazie a voi e grazie a papà.

    Un abbraccio
    Nico

    ---

    Quando la morte avrà (Claudio Lolli)

    Quando la morte avrà,
    addolcito un po' il tuo viso
    che tante volte già
    mi aveva intimorito,
    e tu mi chiederai un ultimo sorriso,
    un gesto di pietà
    che avrai non meritato.
    Quando la morte avrà
    allentato un po' le braccia
    che tante volte già
    mi avevano piegato
    e tu ricercherai
    i miei capelli la mia faccia
    per farmi la tua prima
    ed ultima carezza.
    Allora ti amerò
    allora quando avrai
    la tenerezza che
    non hai avuto mai.
    Allora ti amerò
    ma tu non lo saprai
    e per tutti e due sarà
    troppo tardi ormai.
    Quando la morte avrà
    fatto abbassare gli occhi
    che tante volte già
    mi avevano ferito
    col disprezzo di chi
    non ha mai chiesto aiuto
    e tutto ciò che ha
    se lo è costruito.
    Quando la morte avrà
    disperso i tuoi discorsi
    che tante volte già
    mi avevano mentito
    e la sincerità
    del tuo nuovo silenzio
    potrà farmi scordare
    di averti mai sentito.
    Allora ti amerò
    allora quando avrai
    l'umiltà che
    non hai avuto mai.
    Allora ti amerò
    ma tu non lo saprai
    e per tutti e due sarà
    troppo tardi ormai.
    Quando la morte avrà
    scacciato la paura
    che per tutta la vita
    ti è stata concubina
    e avrà fatto di te
    il più grande di noi
    l'eroe che si rallegra
    della guerra vicina.
    Quando la morte avrà
    sconfitto il compromesso
    cui la meschinità
    ti aveva condannato
    e il lampo dei tuoi occhi
    si mostrerà contento
    di vivere da uomo
    almeno un momento.
    Allora ti amerò
    allora quando avrai
    il coraggio che
    non hai avuto mai.
    Allora ti amerò
    ma tu non lo saprai
    e per tutti e due sarà
    troppo tardi ormai.

    RispondiElimina
  7. Nicone, credo che sia davvero il minimo che potessi fare. E stammi bene, con un pensiero grosso quanto te. Come paradigma della grossezza, ci stai sempre ottimamente!

    RispondiElimina
  8. a ni' io sto iscritta ma nn mi ricordo l'account quindi ti lascio un commento come anonima...intanto mi prendo il merito della foto ...ahahah...sono troppo brava e poi ....quanto cavolo gli abbiamo voluto bene a papino e quanto ce ne ha voluto lui...dolcissimo papà....ti abbraccio....e tvb!

    RispondiElimina
  9. Lo avevo letto ... è bellissimo .... anche io ricordo che me lo sono sempre coccolato e spupazzato e negli ultimi tempi non gli lesinavo mai una carezza, mai un bacio , e ricordo che non lo lasciavo senza avergli detto "ti voglio bene" ... forse rimpiango qualche sgridata di troppo ma la vita è fatta anche di questo ... io però ho la certezza che lui il nostro amore l'ha sempre sentito e ne sono felice ... però quanto cavolo mi manca !!

    RispondiElimina
  10. Neanch'io con la mamma ho avuto rimpianti, se n'è andata sapendo benissimo il bene che le ho voluto... maledetto agosto, che se li è portati via tutti e due, lei nel 2003, tuo padre nel 2009...
    Però, che bella questa foto, che sguardo da persona dall'animo buono e sincero! Mi ha tanto intenerito, ma soprattutto mi conforta il pensiero, tanto più netto e sicuro dopo averTi incontrato, che quelle stesse bontà e sincerità continuano a vivere in te, come fossero una parte di lui.
    Buonanotte, amico mio, anche se in America dove stai in questo momento è tutta un'altra ora...

    RispondiElimina
  11. Amarsi è un lusso e riuscire a farlo batte ogni morte. Non credo avrò nulla da rimpiangere anche io quando sarà, mio padre è morto molto prima che io nascessi. Grazie per il commento amico mio, un abbraccione.

    RispondiElimina
  12. Che bello il tuo papà. Che tenerezza... anche il mio teneva sempre dei berretti simili.
    Un caro abbraccio, Nico
    g

    RispondiElimina
  13. Che bella foto.
    Che belle parole.

    RispondiElimina
  14. Che bello questo post caro Nico, è davvero bello leggere di questo amore così forte ed infinito, è importante ricevere e poter donare amore, senza nessun rimpianto, è un dono, una possibilità che non tutti purtroppo hanno.

    un abbraccio

    RispondiElimina
  15. Che bel viso aveva tuo padre, che espressione intensa, che bellissimo primo piano. Quanto amo i primi piani in bianco e nero. Chi gli ha scattato questa foto? Quanto tempo prima di morire?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Silvia! Hai ragione, questa foto in bianco e nero è stupenda e a me piace particolarmente. Credo sia stata scattata non più di due anni prima che ci lasciasse. La fotografa di famiglia è mia sorella Regina. Se vuoi contattala su Facebook, le farà sicuramente piacere. Un abbraccio forte

      Elimina
  16. Io invece di rimorsi e di rimpianti ce ne ho una valanga.

    RispondiElimina