Resistente nel tempo

e i miei amici io li ho chiamati piedi
perché ero felice solo quando si partiva...
(analfabetizzazione - claudio lolli)




venerdì 30 dicembre 2011

Omaggio a Victor Jara, cantautore operaio

Il grande Gaber diceva "Ebbene sì, lo ammetto, ci sono stato! Li ho visti anch'io gli Inti Illimani! Però non ho pianto!"...già, quando si parla di musica sudamericana, in particolare di musica cilena piacevolmente di parte, i mitici Inti Illimani sono i primi a venire in mente, insieme a Violeta Parra. Adoravo in modo particolare gli Inti da ragazzo, e le loro canzoni spesso uscivano dalle corde della mia chitarra, corde che quasi da sole cominciavano a vibrare più forte facendomi entusiasmare quando si cantava El pueblo unido! C'era però una canzone, inclusa in un album degli Inti, che piano piano è entrata dentro di me senza uscirne più. "Correle correle correla, por aqui por allì por allà"... è da più di trent'anni che canto fra me e me spesso questi versi di El Aparecido! L'ho volontariamente linkata dal sito Canzoni contro la guerra del mio amico Venturi, proprio per introdurre il personaggio con cui voglio fare a tutti gli auguri di buon anno! Aprendo il link del compagno Venturi...toh, chi spunta...non gli Inti Illimani, ma una bella fotografia del cantautore operaio della resistenza cilena. Il grande Victor Jara! Ho scoperto diversi anni fa che El Aparecido non era degli Inti Illimani, e allora ho voluto subito saperne di più di Jara, del quale avevo solo sentito parlare come desaparecido cileno (mi piace pensarlo così, ma ci sono anche altre versioni probabilmente più autorevoli e veritiere che lo vogliono prima torturato e poi dopo alcuni giorni ucciso a colpi di pistola dentro lo stadio di Santiago dai militari del regime appena insediatosi) a causa della salita al potere di quell'energumeno figlio di puttana, che non voglio nemmeno nominare, aiutato nel feroce intento nientedimeno che da un immeritato Nobel per la pace (che schifezza) e da un vergognoso presidente americano. Uno degli episodi più adatti per il vaffanculo, con la stessa energia con cui ne ha detti tanti ultimamente un mio omonimo che sicuramente leggerà! ;)

Piano piano ho cominciato ad ascoltare, lo raccontavo tempo fa al mio amico Ezio, tutto quello che si trovava in giro di Jara, e la scoperta di questo cantautore operaio, che anche quando parlava d'amore ci faceva entrare dentro il mondo del lavoro, mi ha letteralmente conquistato. E infatti una delle canzoni più famose è proprio Te recuerdo Amanda, che parla sì d'amore ma da un punto di vista operaio (la fabbrica, il proprio uomo che ci lavora, la sirena che richiama al lavoro, la morte).



Ne esiste anche una versione in italiano praticamente introvabile, alla cui pubblicazione ha contribuito anche Francesco Guccini che ne ha cantata una buona parte! Accanto a queste parole e melodia di assoluta bellezza, vorrei citare anche un'altra canzone di Jara, che ci dà esattamente quella sensazione, che già conosciamo in De Andrè, di uomo attento agli ultimi, ai più deboli. La canzone si chiama Luchin, piccola storia di un bimbo povero e malato che abita e gioca in una delle zone più disagiate di Santiago. Da brividi! E anche questa è stata reinterpretata dagli Inti Illimani.

Grazie anche a Daniele Sepe, Jara ora è un po' più conosciuto anche qui in Italia in seguito alla pubblicazione dell'album "Conosci Victor Jara?". Passai mesi ad avere nel mio stereo di casa e della macchina le canzoni più belle di Jara, fino a quando appunto l'anno scorso, dopo una chiacchierata con Ezio sulla bellezza di un personaggio di questa levatura, mi sono deciso a trovare tutta la discografia. Che ora fa tutta parte a pieno titolo del mio bagaglio musicale e culturale.

Chiudo per fare a tutti gli auguri di buon anno con quella che forse per me è la sua canzone più bella, scritta da Jara poco prima del tragico colpo di stato dell'11 settembre 1973, costato la vita a tanti innocenti fra cui lo stesso Jara e l'indimenticabile Salvator Alliende.



Manifiesto è praticamente un testamento, una spiegazione del perché secondo Victor si dovrebbe prendere una chitarra, del perché lui ha deciso di prenderla e cantare. Non certo per la sua bella voce, o tanto per farlo (come purtroppo oggi sempre più spesso accade, senza curare i testi), o per prendere premi. La sua chitarra, che ha del sentimento, non è certo per ricchi, ma per "impalcature"! Si dice che Jara avesse presagito quello che sarebbe accaduto nei mesi siccessivi, e questo manifesto assolutamente politico ne sarebbe stata la sua testimonianza.

Per fortuna nostra, nonostante il regime ce l'abbia messa tutta per far sì che di Victor Jara scomparisse non solo il cadavere, ma anche tutto il resto e non rimanesse nulla di "comunista" in giro, le sue canzoni ci sono arrivate tutte grazie a sua moglie Joan, di origine anglosassone, che ne ha depositato le registrazioni e i rarissimi video presso la sua ambasciata.

Si sono dovuti aspettare quasi 20 anni perché venisse riconosciuto ufficialmente il suo assassinio da parte dei militari del golpe. Altra vergogna da aggiungere, a posteriori, a tutto il resto. Voglio fare un ringraziamento particolare a Riccardo Venturi, il quale nel suo bellissimo sito Canzoni contro la guerra, che ho citato all'inizio, ospita parecchio materiale di Victor Jara. Ancora buon anno a tutti.

32 commenti:

  1. Gran bel modo di fare gli auguri, difficilmente riuscirò a farlo così. Buon 2012 a te compagno e a tutti quelli del tuo blog.

    RispondiElimina
  2. Un grande post di auguri d'autore. Buon 2012 amico mio, un anno vero e di lotta come sempre.
    Auguri!

    RispondiElimina
  3. Scalogna vuole che mi sia sparito l'audio del pc.
    Devo rimandare a dopo le Feste l'ascolto di questa voce.
    Nessuno parla più di quel periodo tragico e vergognoso, nè ricorda che il Papa Carol andò a trovare Pinochet.
    Contraccambio gli AUGURI per un sereno e prolifico 2012, a te e gentile consorte.
    Cristiana

    RispondiElimina
  4. Ti ringrazio per il link alle "CCG", Nicone, e davvero tutti i miei auguri per un felice anno nuovo a te e Maria. Mi accodo all'Alligatore: il tuo modo di fare gli auguri è stato davvero unico. Quasi quasi mi fai venir la voglia di ampliare un po' la pagina sull' "Aparecido"! Un abbraccione forte e buon 2012...merry crisis and happy new fear...ehm no scusate...:-)))

    RispondiElimina
  5. Chiudo tutto fino all'anno prossimo! :)

    Grazie Diego, un abbraccio e, ascolta me, tu riusciresti a farlo in tantissimi modi bellissimi, compreso questo!

    Grande compagno Ernest, come si diceva da Ross la lotta ci serve come il pane, e non dovrà mai abbandonarci! Ti abbraccio

    Grazie Cristiana! Devi assolutamente risistemare l'audio, Jara va ascoltato assolutamente facendosi cullare dalla sua voce e dalla musica, ma anche facendoci incazzare per le parole. Buon anno un abbraccio

    Ahahahahah grande Riccardo, solo tu potevi rispondermi così! :-))) O yes, ti supporto in pieno, ampia la pagina, più ne sappiamo e meglio è, assolutamente! Ricambio i tuoi auguri, estendendoli a Daniela, che speriamo di conoscere al più presto...parlando con diverse persone pare siamo rimasti gli unici a non conoscere KD!! :) Ti abbraccio forte compagno!

    RispondiElimina
  6. che bella quella parola: manifesto! Dichiarazione di indipendenza di pensiero e di libertà di parola ;) baci ****

    RispondiElimina
  7. Mammamia che post, Nicone!
    Ricordi, commozione, Inti Illimani, tutto 'La Nueva Canción Chilena' che mi ha accompagnato durante gli anni d'università...
    Non sapevo tanto di Victor Jara anche se conoscevo bene El Aparecido
    "... porque regala su vida
    ellos le quieren dar muerte"
    Oh, mi riascolto i pezzi citati da te e ... La Nueva Canción!
    Grazie, GRAZIE Nico!
    Auguri carissimi a te e Maria per un Felice e Sereno 2012!
    abbraccione,
    g

    RispondiElimina
  8. grande Nico....il migliore modo di finire e cominciare un anno di lotta e speranza.

    RispondiElimina
  9. Tanto che ci siamo...mi permetto di suggerire, o far conoscere, una canzone. Vorrei presentarvi Patricio Manns e la sua "El equipaje del destierro": una canzone unica, anche per il linguaggio in cui è scritta. Augurandovi bonanno sincero.

    http://www.antiwarsongs.org/canzone.php?id=39638&lang=it

    RispondiElimina
  10. gli Inti Illimani, li ho scoperto poco più di un anno fa, e le loro canzoni mi hanno trasmesso un grande senso di libertà e ribellione verso un sistema malsano.
    Comunque di nuovo buon anno a te e Maria!
    A presto.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  11. ecco, io faccio di tutto per non pensarci e poi arrivi tu...
    grazie: buon capod'anno a pugno chiuso!

    RispondiElimina
  12. ...e un abbraccio di fine anno al mio babbo adottivo! Auguri Nico, a te e alla dolce Maria! :*

    RispondiElimina
  13. Faccio un blitz fuori dal mio eremo-scriptorium per augurare un Felice Anno a Te, a Maria, a tutti i lettori e amici che abbiamo in comune!

    RispondiElimina
  14. Sono auguri meravigliosi. Potrei passare ore ad ascoltare queste canzoni di libertà.
    Buon 2012 Nicone!

    RispondiElimina
  15. Nico, i tuoi auguri mi commuovono... Tanti auguri caro compagno e amico di tastiera, a te e alla tua famiglia.

    RispondiElimina
  16. Soltanto TU potevi fare degli AUGURI così belli, sentiti ed originali.
    Non conoscevo Victor Jara, lo sto ascoltando, grazie a te, per la prima volta ora. Infatti mentre scrivo ho "Manifiesto" in sottofondo.
    Buon 2mila12, Nicone!
    A te e a Maria..ovviusli :P

    RispondiElimina
  17. Impeccabile, umana, dolente, civile rievocazione!

    RispondiElimina
  18. Credo che tu abbia centrato in pieno il senso di questa parola Milena cara. Un abbraccio a te e Francesco

    Ogni volta che mi scrivi qualunque cosa, cara Giò, mi fai veramente riempire di tutto il possibile, è proprio bello avere amici come te. Un bacio

    Grande tu Cirano, per quello che scrivi e per come lo scrivi :)

    Grazie Riccardo, questo bagaglio dell'esiliato è un pezzo unico e solo tu potevi scovarlo, sei straordinario!

    RispondiElimina
  19. Carissima Cristina, piccola fuori e grande dentro, sono veramente felice che tu abbia scoperto gli Inti, loro sono un insieme di sensazioni che quando ti lasciano non ti abbandonano più! Un bacio

    Pugno chiuso anche a te mia cara compagna Angie, ho appena letto i tre articoli che hai riportato...e allora la lotta è e sarà sempre più forte!

    Eheheh babbo adottivo è bellissimo, ma te l'ho già detto tante volte Sarah! A presto figliuola :*

    Grande zione, una delle cose belle del 2012 sarà che ci rivedremo :)

    RispondiElimina
  20. Lo so Ross, un po' ti conosco ormai! E sono queste le cose che mi fanno sentire così vicino a te! Un bacio

    Grazie Berica, è bello vederti qui dentro ed è bello leggerti, la tua Vicenza lo sai con te la vivo anch'io! Un abbraccio

    Mitica Monica, non sai quanto mi fa piacere quello che mi scrivi! Una persona in più che sa chi sia non solo Lolli, ma anche Victor Jara, è una grandissima conquista. Poi mi saprai dire che cosa ti ha dato questo nuovo ascolto! :) Un bacio

    RispondiElimina
  21. Uhuuh, ci metterò un bel po' prima di riuscire ad ascoltare tutta questa roba interessante! Sinceramente conosco bene gli Inti Illimani, ma su Jara sono del tutto impreparata. Mi aiuterà ad avvicinarmi a lui la familiarità con Guccini e De André :-)
    Grazie e tanti auguri!!

    RispondiElimina
  22. :)

    un sorriso, che con le parole, pare, son più bravi gli altri...

    RispondiElimina
  23. cantautore che coinvolge con le sue canzoni, non lo conoscevo.

    RispondiElimina
  24. Ciao Nico!!! scusa per il ritardo... ci ho messo un bel po' per mettermi in pari con tutti i blog che avevo lasciato con la mia partenza! ;) questo post mi è particolarmente piaciuto... non conoscevo Jara e sono davvero felice di averlo scoperto grazie a te!!! Ti auguro un 2012 pieno di serenità e affetto...

    RispondiElimina
  25. Prima di tutto un grazie di cuore a Ezio, per aver analizzato alla sua maniera impeccabile quello che è in terribile retroscena di quest'omaggio a Jara! Grazie fratello e compagno.

    Bene Adriana, sono contento che tu abbia letto, e ora con il post di Ezio il quadro è più completo.

    Grazie Omonimo, tu sei bravissimo con le parole e lo hai dimostrato ancora una volta oggi, però hai ragione se ti riferisci a Jara!

    Sì Enio, il coinvolgimento è totale, mi fa piacere di avertelo fatto conoscere! Quest'anno ci vediamo sicuro per almeno un caffè.

    Giuliaaaaa! Bentornata innanzitutto, ho sbirciato un po' nelle tue pagine e ho notato che hai confermato in pieno quello che anch'io penso di Londra :-) Ma che scusa e scusa :-) Non si può stare dietro a tutto in questa piattaforma blogger di gioie e dolori...ma quando uno c'è la sua presenza si sente sempre, eccome! Sono felicissimo di aver fatto conoscere Jara a te e Cristina, e ora con il post di Ezio certamente le vostre idee potranno essere molto più chiare! Un abbraccio a te e Mirko

    RispondiElimina
  26. Arrivo in ritardo. Conservo vivo il ricordo di Victor Jara. Un grande grazie a te per averlo fatto rivivere in questa occasione. Auguri, anche adesso che le feste ormai le abbiamo alle spalle.

    RispondiElimina
  27. wow, scopro questo cantautore operaio grazie a te. Un pezzo davvero bellissimo. Sono un po' in ritardo per gli auguri...ma te li faccio comunque di cuore!

    RispondiElimina
  28. ciao... conoscevo solo per sentito dire Victor Jara, ma sono una fan degli Inti Illimani e ci sono pure andata a cena una sera! :) (è vero, leggi qui!)
    Che bel post :)

    RispondiElimina
  29. mmm....da ascoltare...suerte

    RispondiElimina
  30. E invece sono legata agli Inti Illimani e a violeta Parra, li reputo carne della mia carne e sangue del mio sangue ;-))

    Un buon anno in notevole tirardo a te e Maria. ,-))

    RispondiElimina
  31. Ce la stiamo a spassare eh?!?!?! :) Abbelli ci mancate :*

    RispondiElimina
  32. Che Post!!! Scrivi molto bene..è piacevole leggerti e scoprire novità.
    Grazie!!!Java non lo conoscevo, il bello dei pezzi musicali è che attraverso di essi ci si esprime diffondendo messaggi anche sociali che riescono forse a smuovere gli animi..
    Gli Inti Illimani..beh!..è impossibile non conoscerli ... è come sentire di più il sangue pulsare nelle vene semplicemente attraverso la forza delle note musicali..una buona giornata!

    RispondiElimina