Resistente nel tempo

e i miei amici io li ho chiamati piedi
perché ero felice solo quando si partiva...
(analfabetizzazione - claudio lolli)




mercoledì 13 febbraio 2013

Che captcho voglio?

Come che captcho voglio? Semplicemente dire che questa parolaccia al femminile è qualcosa di pazzesco, e contemporaneamente esprimere tutta la mia solidarietà al NO CAPTCHA DAY pensato da Milena e Diego!  Ally, ce l'ho fatta, nonostante mi sta toccando anche avere a che fare con la giurisprudenza (aiutooooo!!!), arrivo in tempo anche io!



Come scritto anche negli altri post, il captcha fa solo perdere tempo e crea differenze! Dai, toglietelo! Qualche spammettino in più non fa male a nessuno! E se proprio non lo volete, al massimo mettete la moderazione, ma il captcha no, proprio no!



Questi sono solo due esempi dell'assurdità di questa prassi informatica comune. E non sono nemmeno dei peggiori!

Ritengo che il capctha sia una completa mancanza di rispetto nei confronti delle persone, un vero ladro di tempo.

Lasciatemi fare un attimo il matematico e poi la chiudo lì! Supponiamo che ogni frequentatore di blog (facciamo 500 milioni di persone nel mondo?) si imbatta in un solo captcha al giorno (e siamo decisamente ottimisti). Ogni captcha implica circa 10 secondi di tempo perso, e nello stesso tempo costringe circa l'1% di queste persone a rinunciare.  Questo implica 5 miliardi di secondi persi, che dividendo per 86400 (secondi al giorno) equivale a circa 57 mila giorni persi, ovvero dividendo per 365 ci dà 156 anni, che sono praticamente due vite perse al giorno!  Al giorno!!!  Più ladro di tempo di così?  Inoltre ben 5000 potenziali commenti vengono persi, facendo anche incazzare chi voleva dire la sua!

A presto, vado a fare la seconda sezione del corso giuridico obbligatorio...e spero sia chiaro che capcho volevo!
Nico

15 commenti:

  1. Grandioso, solo la tua mente matematica poteva trovare una ulteriore motivazione per levare il captcha. Geniale... buon proseguimento di lezione allora.

    RispondiElimina
  2. Fantastico! adesso non ci sono più scuse
    un bacione! Sara

    RispondiElimina
  3. Nico, delizia del mio blog, mi avevi quasi convinta, ma poi mi sono ricordata di un mio principio :" La mia libertà finisce dove comincia quella di un altro".
    NB.Io il captcha non ce l'ho.
    Cristiana

    RispondiElimina
  4. Sì, lo abbiamo capito!! :)
    un abbraccio

    RispondiElimina
  5. io il codice l'ho eliminato dal mio blog pertanto non vedo il problema

    RispondiElimina
  6. Grande umorismo inglese Nico caro...
    Hai fatto capire perfettamente gli impedimenti che questo ostacolo porta...
    Poi le scelte si vedranno, a ognuno il suo...
    Abbraccione e buona giornata e buon corso giuridico!

    RispondiElimina
  7. da togliere assolutamente!
    un saluto Nico

    RispondiElimina
  8. Passo solo oggi, ma nei mesi le scatole le ho rotte per benino su questa cosa, in giro e in largo... :)

    RispondiElimina
  9. Ma il corso giuridico è su "La legge nell'epoca del captcha"? ;)
    Saluti,
    Mauro.

    RispondiElimina
  10. sono d'accordo con te, quanti commenti ho rinunciato ad inviare! Non so voi, ma io non li leggo proprio...sarà l'astigmatismo?

    RispondiElimina
  11. Accipicchia!!!
    Per un momento ho pensato di leggere il copione di NUMB3RS! Adoro Charlie Eppes ed il suo modo di spiegare la matematica, materia in cui (liceo scientifico) ero una pippa elevata ad "n"...
    Se ti diletterai più spesso in queste elucubrazioni, ci vedremo spesso.

    RispondiElimina