Resistente nel tempo

e i miei amici io li ho chiamati piedi
perché ero felice solo quando si partiva...
(analfabetizzazione - claudio lolli)




sabato 16 marzo 2013

Casa dolce casa, con dolce moglie

Torvaianica Alta, Pomezia (Roma)


Questa è casa mia da Google Maps...bisognerebbe scrivere a Google e dire di fare qualche aggiornamento, sta foto avrà almeno 6 anni!!!

Ciao a tutti, c'è voluta la neve a Parigi per farmi tornare a scrivere qualcosa di veloce qui! Mai come ieri sera quel "casa dolce casa, finalmente!" è stato più azzeccato! E' quasi dall'inizio dell'anno che continuo a saltare da un aereo all'altro, due volte a Parigi (la seconda con la neve...poi vi racconto), una a Londra, una a Madrid, una a Francoforte, una a Amsterdam...insomma avevo proprio bisogno di vedere all'orizzonte qualche giorno di "pausa" per godermi la mia Maria un pochino. Pare infatti...dico pare...che per tutto marzo non dovrei prendere aerei! Ci voleva, ve lo assicuro, anche se in tanti continuano a dirmi "Che invidia!", o la mia amica Anna che "mi odia" perché giro come una trottola. Viaggiare è bello, l'ho sempre detto e lo sapete, ma come per tutte le cose il troppo può causare qualche scombussolamento!

Non la farò lunga, anche perché ho davvero bisogno di riposarmi un po'. Vi racconto solo le ultime vicissitudini parigine! Martedì mi trovavo a Amsterdam per fare da speaker a una conferenza, e la sera dovevo prendere un volo per Parigi. Cominciano a arrivare notizie di cancellazioni di voli per Parigi da tutta Europa! Motivo? Una nevicata da far paura! Vado in aeroporto e il mio volo era ovviamente cancellato. Ma mi inseriscono su un altro volo. Io e il mio collega olandese riusciamo a arrivare, dopo un'ora circa di giretto panoramico sopra Parigi perché non ci facevano atterrare! Scesi giù, presi i bagagli, vediamo che i treni erano bloccati e allora unica soluzione il taxi...fila lunghissima da paura, ma solo perché i taxi non si muovevano, non perché non ce ne fossero. A un certo punto cominciano a muoversi, andando anche contromano...però, ahimé, in salita...e spesso si sentiva il rumore tipico delle gomme che sulla neve non camminano...al che io e il collega ci siamo chiesti "ma qui le gomme da neve? almeno i taxi...".  Dopo un'ora il piazzale si svuota e la fila si dimezza...ma a quel punto arrivava un taxi ogni 10 minuti...e così, dopo due ore e 10 al freddo, finalmente saliamo. Il tassista ci ha detto che nessuno a Parigi mette mai le gomme da neve, perché non hanno mai visto tanta neve in vita loro! Però...una cosa bellissima l'ho avuta all'arrivo in albergo martedì sera, che quasi non ci volevo credere...nientemeno che la macchina della Nespresso in camera...mai bevuto un caffè così a Parigi, questo ve lo posso assicurare! :)

Vabbè...andrò a riposarmi un altro po' che mi si chiudono gli occhi per la stanchezza...sapete com'è, l'età avanza :) Oggi Maria è andata a lavorare, e non vedo l'ora che torni. Un abbraccio a tutti

18 commenti:

  1. Buon meritatissimo riposo, Nicuccio! E nel week end - mi raccomando - comportati male, che è più divertente!!

    RispondiElimina
  2. Dolce Maria, ma dolce anche Nico!
    Mi fate una tenerezza infinita.
    Cristiana

    RispondiElimina
  3. Ciao, bentornato a casa, allora... :)

    RispondiElimina
  4. Direi proprio che ti meriti un bel po' di riposo del guerriero accanto a Maria...
    Un abbraccio, caro amico!

    RispondiElimina
  5. A Parigi peggio che in tante parti d'Italia, quando nevica, allora! E il caffé in Francia... sempre da brividi blu.
    Ben tornato!

    RispondiElimina
  6. Ben ritornato tra di noi Nico, da uno (dei pochi?), che odia viaggiare e quindi non ti invidia per niente. Quanto alle foto di google maps, sulla mia casa, qualche mese fa, c'era ancora la bandiera dei REFERENDUM per l'acqua pubblica e non nuke, non so se sia ancora così, ma di acqua sotto i ponti ne è passata ...

    RispondiElimina
  7. Ti capisco! ho cambiato di recente orario di lavoro e praticamente sono più a casa...il primo ad essere contento è proprio mio marito!
    Sara

    RispondiElimina
  8. Bentornato e vedi di riposare quanto basta;-))

    Ne ha di pazienza Maria a sopportare le tue assenze prolungate, ci credo che quando riesce a placcarti ti porta ai confini del mondo ;-))

    Buona settimana a voi due ;-))

    RispondiElimina
  9. Grazie a tutti quanti per la pazienza che state avendo nel non vedere dall'inizio dell'anno nè mie risposte qui, nè miei commenti ai vostri post! E' incredibile, non mi ero mai trovato in una situazione simile, ma come avete capito sto in un momento in cui non riesco a fare quasi più nulla, e quel poco tempo che mi resta lo dedico a Maria. E poi c'è quel corso sulla sicurezza che incombe (sto all'88%). Ora sono tornato a casa in anticipo e quindi approfitto di questa mezz'ora!

    RispondiElimina
  10. Carissima Bastiana (mi piace questo nome, era quello con cui i suoi fratelli e mio nonno chiamavano il mio caro papà)...che devo dirti, quel Nicuccio mi ha dato delle belle emozioni. Bello vederlo scritto! Comportarsi male...va beh, ci penserò :)

    Cristiana cara, ormai non te lo dico più quanto mi fanno piacere i tuoi commenti. Sono freschi e soprattutto sentiti, grazie!

    Dici bene Fra, bentornato a casa! Chissà quanto durerà...intanto per tutto marzo non mi dovrei muovere!

    RispondiElimina
  11. Eheheh zione, riposo del guerriero mi sembra calzi a pennello! Ma anche tu vedo che non scherzi con le uscite solo a motore :-) Spero di poterti rivedere prestissimo, mi sei mancato, un abbraccio

    E già Adriano, ti posso assicurare che i parigini non sono assolutamente attrezzati per la neve! Mi sembra quasi impossibile in una città come Parigi che nessun taxi, dico nessuno, abbia le gomme da neve!

    Grazie Berica! Pensa che dovevo venire a Vicenza qualche settimana fa, ma poi è stato rimandato tutto. Un abbraccione

    RispondiElimina
  12. Grandissimo Diego...posso immaginare queste bandiere...certo sembrerebbe che la tua vista google sia un po' più recente della mia :-) Pder l'invidia...forse ce l'avresti se fossi andato a Parigi in bicicletta...ma credo sia un po' difficile che accada eheheheh

    Ciao Saretta, anche con te è un po' che non ci sentiamo :) In effetti sì, i nostri consorti sono sicuramente increduli e felici quando ci vedono più a casa! Però si sta bene a casa! Un abbraccio

    Ahahah grande Tinuzza, molto azzeccata quest'osservazione! Effettivamente, dici tu, l'unico modo di avvicinarmi è quello di allontanarmi eheheh...non male :) Buona settimana anche a te, a presto

    RispondiElimina
  13. abbraccione, Nicone! :-)
    Saluti anche a Maria!
    g

    RispondiElimina
  14. Caro Nico, bentornato nella tua bella casa.
    E' un piacere rileggerti e avere tue/vostre notizie.
    A presto

    RispondiElimina
  15. Si, ti odio... ma giusto poco poco!!!
    :o)
    Anna

    RispondiElimina
  16. Ed eccomi qui...ciao OmonEmo!!!

    Bentornato!!!

    RispondiElimina
  17. RiCiao, anche se non hai tempo (e immagino voglia) di fare un meme, ti ho nominato per il Liebster Award :)
    http://paroleperaria.blogspot.it/2013/03/liebster-award.html

    RispondiElimina