Resistente nel tempo

e i miei amici io li ho chiamati piedi
perché ero felice solo quando si partiva...
(analfabetizzazione - claudio lolli)




mercoledì 26 agosto 2015

Una lottatrice come madre


Ebbene sì, ha lottato tanto contro la sua malattia scoperta un paio d'anni fa, come una leonessa, senza piegarsi a nulla e a nessuno, mandando a quel paese chiunque facesse qualsiasi cosa che non le andasse a genio, figli compresi! Non ha mai accettato il fatto di non guarire, mai, e continuava a ripetere che ce l'avrebbe fatta! Anche se era una gran fifona per tante cose!

Spesso la prendevo in giro per tante sue manie, quella della magrezza per esempio visto che per lei erano tutti sovrappeso, o per il fatto che era assolutamente credulona e quindi era facile. Questa foto scattata dalla mia meravigliosa sorella Regina dice tutto! Ora ha raggiunto mio padre mancando proprio nello stesso mese, sei anni dopo. E ha raggiunto anche la grande madre di Nicola.

Il nostro rapporto è stato sempre conflittuale, non eravamo uguali assolutamente, sicuramente io sono molto più simile a mio padre. Per questo si litigava spesso io e lei, e tante cose che stavano bene a uno non lo erano all'altro. Mio papà mi ha insegnato tante cose, fra cui per esempio cercare gli altri senza pretendere di essere cercato! Lei questa cosa non l'accettava, da lottatrice si incazzava se non c'era una relazione reciproca con le persone. Affettività era una delle sue parole più usate. Anche lei mi ha insegnato qualcosa, ovvero lottare sempre per quello che si desidera, non cedere mai, mantenere sempre coerenza e verità! Queste sono le parole di una bellissima canzone di Alberto Bertoli, dedicata a suo padre, che condivido qui sotto e che rispecchia in modo perfetto quello che lei ci ha insegnato.



Un abbraccio
Nico


28 commenti:

  1. Un abbraccio grande grande come lo sei tu, amico mio. Nella libertà sono tutti e due con te.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore Anto, ti abbraccio

      Elimina
  2. Penserò a lei nelle prossime versioni di greco e cercherò di seguire i suoi consigli. Buon viaggio prof! :')

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E sì Anto 😊 Sono contento che tu l'abbia conosciuta 😘

      Elimina
  3. Caro amico, ho sempre ammirato il tuo entusiasmo, la tua simpatia, la palese generosità che pervade le tue parole e il tuo piacere di vivere. Sento il tuo dolore e mi dispiace, ma non conoscevo la tua mamma e l'unica cosa spontanea che mi sento di fare è quella di complimentarmi con Lei per averti insegnato ed inculcato una grande umanità.
    Un abbraccio.
    Cristiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei sempre tanto cara e affettuosa con me Cristiana. Tornerò presto a scrivere un bacio grande 😊

      Elimina
  4. Risposte
    1. Grazie Francesca, un abbraccio forte 😊

      Elimina
  5. Risposte
    1. Grazie di cuore Mauro, anche se non scrivo tanto ultimanente sei sempre presente. Un abbraccio

      Elimina
  6. Ti stringo in un lungo e affettuoso abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore Berica, anche se non ho potuto scrivere tanto ultimamente il tuo affetto lo sento sempre. Un abbraccio da qui a Vicenza

      Elimina
  7. Grazie, caro Amico, per aver voluto unire, in un simile momento, il pensiero per tua madre al ricordo della mia… E perdonami per il ritardo con cui vengo ad abbracciarti, ma la semilatitanza-web dovuta ai ritocchi finali al nuovo romanzo mi aveva tenuto all’oscuro di tutto.
    L’abbraccio che ti mando è molto grande, e senza aggiunta di altre parole, che in questi momenti servono a poco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Nick è stato naturale per me pensare alle nostre mamme contemporaneamente. Dai tuoi racconti so che perdita è stata per te, e mi piace pensare possano in qualche modo interagire ora, magari parlando dei successi dei loro figli 😀 Un abbraccio affettuoso zio Nick

      Elimina
  8. Si legge, in queste righe, emozione, dolore, ricordo.
    Perché i ricordi nessuno li può cancellare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti Costantino, i ricordi sono una delle essenze del nostro essere. Grazie del pensiero un abbraccio

      Elimina
  9. Risposte
    1. Grazie Silvia! Ti penso mentre sei in Africa! Un bacio

      Elimina
  10. quando ci viene a mancare una persona cara ci sembra che il vuoto che lei lascia sia incolmabile, ma col tempo ci si accorge di quanto questa persona ci ha dato. Io come carattere sono più vicino a tua madre Nico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Enio, ti ringrazio di cuore per questa tua testimonianza. Non siamo ancora riusciti a incontrarci di persona, ma io non perdo questa speranza. Peccato solo che non hai potuto conoscerla. Un abbraccio

      Elimina
  11. Caro Nico, tua mamma l'ho vista solo una volta, alla 1° festa del muretto (l'unica che io ricordi davvero con piacere, ma questa è un'altra storia), per cui non ho molto da dire su di lei. Quello che, al contrario, posso dirti è che il tuo ricordo di lei è molto dolce e affettuoso: non nascondi ciò che realmente è stato il vostro rapporto. Hai raccontato in poche righe come le piaceva vivere, i valori in cui credeva, i vostri diversi punti di vista, e l'hai fatto senza farti prendere la mano, scrivendolo senza quella retorica che spesso di usa per parlare delle persone che non ci sono più. E' giusto così e, dal mio punto di vista, le hai reso onore. Sono certa che ne sarebbe contenta. Ti auguro che la sua mancanza ti accompagni senza dolore. Un affettuoso abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Catia, lo so che è passato troppo tempo da quando mi hai fatto questo commento, ma ho voluto risponderti lo stesso adesso, facendo coincidere la risposta con il mio ennesimo tentativo di riprendere a scrivere. Speriamo che il post che ho appena scritto sia solo l'inizio.
      Sul discorso del muretto dobbiamo vederci assolutamente di persona e fare due chiacchiere, mi auguro che le mie salite a Milano quest'anno possano essere un po' più frequenti.
      Ho scritto su mia mamma quello che sentivo, di getto, e mi commuove quello che hai scritto quando parli della mancanza di retorica. Lei lo sapeva che la retorica non ha mai fatto parte della mia natura, e anche se ogni tanto ci sperava che io potessi sviolinarla un po', so bene che il mio affetto lo percepiva per intero.
      Grazie ancora Catia, un bacio

      Elimina
    2. Caro Nico, ti aspetto a Milano per serate di chiacchiere e buon cibo. A presto!

      Elimina
  12. Pochi mesi fa mi avevi parlato di tua madre e dei suoi problemi.
    Mi dispiace, arrivo tardi ma ti abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ti preoccupare Silvia, ti sento vicina lo stesso. Le parole di conforto fanno sempre bene al cuore. Buonanotte un bacio

      Elimina
  13. Pensa, nella mia famiglia è ribaltato il pensiero: mio papà ama la corrispondenza, mia mamma è sostenitrice del 'Fai bene (comunque)'. Abbraccio Nico.

    RispondiElimina
  14. Grande guerriera la nostra mami... nascosta dietro a tante fragilità. ..
    Tvb fratellino... ma devo dirti una cosa.... somigliavi tanto anche a lei.... 😂😂😂😂

    RispondiElimina
  15. Ciao ... non sapevo nulla e quando ho saputo mi si è lacerato il cuore ! Sono stato un cretino , mi aveva cercata chiamandomi al telefono per risentirci un po' ma nn mi aveva accennato nulla della malattia e gli avevo promesso che sarei venuta a trovarla. Qualche anno prima avevo perso mia madre anche lei stesso destino ... nel mio cuore c'è mamma ed edwige . Mi duole profondamente nn essere mai venuto da lei ma stavo passando un periodo brutto ...mi ha dato sempre un sacco di forza ed era unica come donna , SPECIALE. tvb amica. R.I.P.

    RispondiElimina