Resistente nel tempo

e i miei amici io li ho chiamati piedi
perché ero felice solo quando si partiva...
(analfabetizzazione - claudio lolli)




sabato 31 dicembre 2016

Come si scrivono le canzoni d'amore

In questi ultimi tempi una fissazione che ho da un po' di tempo si è intensificata, e cioè l'ascolto e la riscoperta delle canzoni d'amore. Ma detta così, direte voi, non sembrerebbe tanto una fissazione!  Lo diventa invece nel momento in cui continui a buttare un occhio a che quello che si ascolta oggi, a quello che soprattutto i poteri forti della discografia e dei media, con i loro talent show del piffero che hanno tantissimo di show ma assolutamente poco di talento, impongono di ascoltare. Ovvero canzoni d'amore, solo canzoni d'amore, che non dicono assolutamente nulla, diciamolo. "Muoio per te, addirittura brucio per te...ovvero mi prostituisco per te, non lasciarmi mai, ti voglio, ti cerco, mi vuoi, mi cerchi, mi fai male, ti faccio male, amore grande, penso solo a te" sono solo alcuni esempi...che poi anche con questi esempi qualcosa di decente si potrebbe scrivere. E da qui viene questa fissazione...su come si scrivono, secondo me, le canzoni d'amore!

Quando ho detto poco talento pensavo per esempio ai ragazzi del Volo...tanta voce e quindi tanto talento, ma per me assolutamente sprecato. Avranno vinto un certo festival di cui non ricordo il nome (Lolli qui insegna), ma le parole di quella canzone sono proprio prive di un qualsiasi elemento innovativo, cariche di banalità e da cui i ragazzi non traggono nessun tipo di insegnamento. Sicuramente la nostra Nellina saprebbe scrivere bene anche su questo tipo di musica, cogliendone anche i lati positivi, ma io non ne sono capace, per me con la musica si deve dire qualcosa, e come diceva De André quando non si ha più nulla da dire è meglio restarsene a casa.

Il primo vero brivido che mi ha portato a fare mio il titolo di questo post è stato quando, un paio di mesi fa, ho riascoltato questa canzone di Stefano Rosso intitolata Via della Scala (che non è la più conosciuta Letto 26 e che qualcuno conosce come Vado via). Quando l'ho risentita mi sono venuti i brividi a mille e la prima cosa che ho pensato è stata "Così si scrivono le canzoni d'amore cazzo, così!"



E' vero che la speranza è l'ultima a morire, ma non credo proprio che autori e interpreti, che sono appunto il prodotto degli attuali poteri forti di cui parlavo prima e che purtroppo dominano la scena, impareranno mai a scrivere così o a scegliere di cantare così. I temi sono spesso gli stessi di questa stupenda canzone di Stefano, ma c'è un abisso nel modo di raccontarli. Che imparino da lui!

Altri due esempi di come, sempre secondo me si scrive una canzone d'amore.

La classica Luci a San Siro di Vecchioni:



Mi ricordo che Guccini, prima di cantarla al Premio Tenco, disse "Maledizione, perché non l'ho scritta io!"

Il secondo esempio è dato dalla più recente e forte Ingenuo e romantico di Cristiano De André:



Ecco, così secondo me si scrivono le canzoni d'amore!

Un buon anno a tutti, e permettetemi di chiudere il post aggiungendo un'ultima canzone d'amore a cui sono molto, ma molto affezionato. Naturalmente è di Claudio Lolli!

14 commenti:

  1. Cosa di meglio dell'amore per chiudere e iniziare un anno?
    Leggere le tue parole e pensare a questa canzone
    https://www.google.it/webhp?sourceid=chrome-instant&ion=1&espv=2&ie=UTF-8#q=west+side+story+maria+
    è stato un tutt'uno, per me.
    AUGURI a te e alla tua dolce metà!
    Cristiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bella la canzone che mi hai linkato, mi hai emozionato davvero tanto, grazie di cuore Cristiana, un abbraccio e ricambio gli auguri con affetto

      Elimina
  2. Non posso che sottoscrivere!

    Auguri Nicone!
    A presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Marco, non so perché ma me lo sentivo che avresti letto questo post :-) Buon anno anche a te un abbraccio

      Elimina
  3. Mio adorabile Nico, ti ringrazio della citazione immeritata...o giù di lì, ma meno male che non scrivo io cosa penso delle canzoni d'amore attuali.
    Forse verrei mandata via in tronco, anche se spesso cerco di trattenere il mio impeto furioso su qualche autore o cantante dello star system.
    Le banalità dei testi e della musica( anche spesso) dilaga sovrana...ci sino i soliti cuori, le finestre, la lontananza,l'addio, le lacrime che ci possono pure stare ma come vengono messi " casseruola" mia questi ingredienti..???
    Non mi fare andare avanti Nico altrimenti sconfino ed è meglio di no.
    I ragazzi del volo, possono anche scomparire!
    permettimi questa e fuggo veloce
    Ti voglio bene!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come al solito riesci a regalarmi delle emozioni grandissime con i tuoi commenti, sembra come se ti conoscessi da sempre ormai Nellina mia :-)
      Sapevo che nemmeno a te garbano tanto autori e interpreti dell'attuale panorama mediatico. Però pensavo che solo tu potevi magari trovarci qualcosa di positivo. Ma se nemmeno tu, allora qui siamo veramente in alto mare! L'altra sera alla RAI mi sono visto Bennato (incredibile) e c'era anche Tony Hadley che continua a mantenere una voce di tutto rispetto!
      Comunque mi hai fatto morire dal ridere con questa risposta, ti voglio bene pure io! Un bacio

      Elimina
  4. Ciao Nico, nulla da eccepire sulla prima parte anche perché i nuovi showman mi sono quasi del tutto sconosciuti, loro e le loro canzoni. Però parlando di canzoni d'amore ci sarebbe da aggiungere che alcuni cantautori hanno costruito la loro carriera unicamente su questo argomento. E tutto ciò... nonostante. Penso a Baglioni, che dopo "Questo piccolo grande amore" aveva scritto un album quasi interamente politico (non so se con testi suoi o di Coggio) ma poi, su suggerimento della casa discografica per cui scriveva allora, fu immediatamente cestinato. Credo che negli anni "70 abbia scritto la più brutta canzone d'amore che abbia mai sentito: "Sabato pomeriggio" (passerotto non andare via... ), e poi, nel "95, una delle più belle: "Fammi andar via" (...fammi andar via, aiutami in questa eutanasia. Non ci ameremo più qui ma attraverso ciò che in altri giorni avremo perso e nei ritorni della gelosia...) cogliendo il lato più ignorante e tetro dell'amore, quella sorta di prigione senza grate da cui appare comunque impossibile uscire senza subire o creare traumi. Argomento trattato anche dal buon vecchio professore con "L'ultimo spettacolo", "Milady" e tante altre. Aggiungo, visto che questo vuole essere solo un breve commento, che tra le mie preferite ci sono anche "Solo el amor" e soprattutto "Como un tren" (... io per amore do la vita perché dall'amore un giorno la mia vita nacque...) di León Gieco. Però (e per chiudere) aggiungo (ancora) che vedo l'amore come un argomento tanto macchinoso, complicato e multiforme che lo si può cantare come nella "Canzone di Marinella" e nella "Ballata dell'amore cieco" al contempo, senza dimenticare il lato tardo o ebete da cui si può essere colpiti (sempre nell'amore), e qui "Monti di mola" prepara ma, soprattutto, mostra e palesa.
    Ezio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissimo commento Ezio, e d'altra parte me lo aspettavo da un amico le cui critiche e analisi lo sai mi sono sempre piaciute molto. Guccini, Faber e Bertoli non li ho voluti citare apposta, e ce ne sarebbe da scrivere, e nemmeno Lolli volevo citare, per cui la fine lolliana va considerata più per sorridere con questo mio pallino che per altro.
      Di Leon Gieco continuerò sempre a ringraziarti per avermelo fatto conoscere! :-)
      La scelta dei tre brani di Stefano Rosso, Roberto Vecchioni e Cristiano De André non è casuale...infatti questo post ha cominciato a ronzarmi in testa con Via della Scala...ero in macchina e, ascoltato quel Vado via, mi sono venuti talmente i brividi per quelle parole con quella musica e contemporaneamente la rabbia per quello che ascoltiamo oggi, e non solo italiani (prendi Alvaro Soler che ce li tritura ogni giorno), che dentro di me continuavo a pensare ma perché oggi non scrive più nessuno così o più nessuno decide di scegliere di cantare canzoni così! E qualche settimana dopo ci ho ripensato e mi sono detto che ancora qualcuno c'è, ascoltando proprio Ingenuo e romantico di Cristiano! CI dobbiamo vedere presto amico mio, ti abbraccio

      Elimina
  5. io penso che in fondo la distinzione è fra canzone ispirata e canzone scritta per forza

    quindi, una canzone d’amore è bella se è una bella canzone, così come per una canzone che abbia altri argomenti

    in fondo l’argomento vero d’ogni canzone vera è la vita, nelle sue storie che si dipanano (d’amore, o di passione d’altro tipo)

    comunque grazie per la canzone di stefano rosso (comunque anche letto 26 è bellissima)


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie del bel commento Diego e mi fa tanto piacere che la canzone di Stefano ti sia piaciuta. È uno Stefano della maturità, meno conosciuto, ma che meriterebbe di essere ascoltato molto di più. Condivido in pieno quello che dici sul fatto di estendere le considerazioni a tutte le canzoni anche di altri argomenti...ma...con gli attuali è impossibile, perché altri argomenti non li conoscono e sanno solo banalizzarne uno :) Poi vengo a leggere anche qualcosa di tuo :)

      Elimina
  6. Per me una delle più belle canzoni d'amore è di Faber, Canzone dell'amore perduto. Anche se di un amore passato, ma è stupenda, ineccepibile ... bel modo di iniziare e finire l'anno il tuo. Buone feste (quelle che restano).
    p.s.
    Ora ho in sottofondo il nuovo disco dei Gang, Calibro 77, che credo ti piacerà un sacco ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Diego1 :-D In effetti è rarissimo rispondere a due Dieghi consecutivi eheh...un buono spunto per la matematica che poco ti piace eheh credo sia la prima volta che succede e il Calcolo delle Probabilità sbancherebbe :-) Scherzi a parte, su Faber ci sarebbe molto da dire e, come dicevo a Ezio, anche su Guccini e Bertoli p, che non ho citato apposta (a parte Lolli con cui ho chiuso più per sorridere su questo mio pallino. Di Faber abbiamo anche "Verranno a chiederti del nostro amore", di Guccini "Vorrei" e di Bertoli citerei "C'era un tempo". Ma le scelte non si esaurirebbero certo qui. Di Stefano c'è anche "Lettera a un pulcino", dichiarazione d'amore puro per sua figlia Stefania! Buona befana Ally :)

      Elimina
  7. Grande Nico;
    io non amo l'amore ma...
    prima seconda e terza fra le canzoni d'amore nnon si può non citarla
    https://www.youtube.com/watch?v=cyWtNCD8qmc

    (fu)red

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah bellissimo quel (fu)red! grande tu, è sempre bello ritrovarti qui dentro :) sono assolutamente d'accordo ovviamente su anna di francia, che rappresenta la nostra storia! e in effetti è la riscoperta di "certe" canzoni d'amore a cui mi riferivo con parsonaggi come guccio, faber, bertoli o rino e altri che non ho citato. a cui se ne aggiungono altri, come ti dicevo, come gianmaria testa! grazie un abbraccione

      Elimina