Resistente nel tempo

e i miei amici io li ho chiamati piedi
perché ero felice solo quando si partiva...
(analfabetizzazione - claudio lolli)




martedì 7 agosto 2012

Piccolo paesino lolliano per una sera

Siamo a Radicondoli in provincia di Siena, in un piccolo paesino abbastanza sperduto fra le colline della Val di Cecina.  Sperduto e, quindi, lolliano per antonomasia! Molto carino, piccolo piccolo, lo percorri da cima a fondo in 5 minuti, sembra un gioiellino.

Come sapete le mie estati hanno sempre avuto una caratteristica comune, il cui nome è Claudio Lolli. Per questo non potevo stare anche quest'anno senza vederlo. Ma stavolta il sapore è stato molto molto particolare. Non si poteva infatti perdere l'occasione per rivivere in pieno quegli zingari felici di una volta, con le stesse sonorità, con le stesse emozioni di un tempo. Infatti dopo più di 30 anni si ritrovano, insieme a Lolli e a Capodacqua, il chitarrista di quel disco che è Roberto Soldati e il sassofonista di allora, Danilo Tomasetta! Quando la mia amica Anna lo ha detto a me e Maria, subito si è messa in moto la voglia forte di esserci! Come si poteva evitare?

Ma...ma secondo voi è stato così semplice? Ma quando mai! Non ci si fa mancare nulla, i miei concerti di Lolli sono sempre stati caratterizzati da quella dose di difficoltà, con qualche microsfiga, che non guasta mai! :-) Il LA lo ha dato Anna, che alzandosi alle 5 il 4 mattina ha preso un treno da Cosenza a Roma, per poi andare tutti insieme a Radicondoli. Ma il punto è che il 5 agosto avremmo dovuto essere a Napoli! Facendo due conti, sono circa 300 chilometri da casa a Radicondoli, andando verso nord, mentre da casa a Napoli ne sono sempre circa 300 ma verso sud! E così sabato 4 agosto dopo pranzo si parte. A1 fino a Valdichiana, poi superstrada per Siena, superstrada per Grosseto e salita per Radicondoli! Alle 7 di sera circa eravamo lì...e gli splendidi 4 stavano provando! Non sto a raccontare le facce di Lolli e Capodacqua quando ci hanno visto!!! Lolli si è subito lasciato andare con una delle sue solite battute, dicendo ad Anna se ci stavamo facendo curare...a cui la mitica Anna, prontamente, risponde "In effetti Claudio abbiamo temporaneamente sospeso le pasticche che ci aveva prescritto lo psichiatra"! Bellissima!

Due chiacchiere al bar io, Maria e Anna con Lolli e "il suo gruppo" e verso le 9 e mezzo si inizia. Emozione enorme all'inizio, con "Viaggio" che è una delle canzoni che io e Maria più amiamo! Per anni non è stata in scaletta.


Viaggio

Ma il top è stato raggiunto con "Ho visto anche degli zingari felici" e con "Agosto"! Stesse sonorità di un tempo, quei fantastici quattro ci hanno regalato un'emozione enorme!


Ho visto anche degli zingari felici


Agosto

Chiude un dopo-concerto bellissimo, a cena tutti insieme. Nella foto che segue Lolli aveva appena fatto una delle sue solite battute...e si vede :-)

Nico ride a crepapelle all'ennesima battuta di Claudio

Ripartenza alle 2 e mezzo del mattino, stavolta discesa e poi superstrada per Grosseto, Via Aurelia e A12 da Civitavecchia a casa...3 ore e 45! Il tempo di un riposino e partenza per Napoli, dove arriviamo intorno alle 11! E...per chiudere con le microsfighe, i treni per la Calabria erano tutti pieni!!! Sicché la povera Anna ha dovuto prendere un regionale mettendoci circa 4 ore, quasi il doppio, sotto il caldo! Della serie, Lolli colpisce ancora, vero Annuzza? Ma, senza di lui, un weekend simile non lo avremmo mai vissuto!

24 commenti:

  1. Adesso ho capito come riaverti da queste parti per una pizza: ingaggerò Lolli... :-))
    Un enorme abbraccio, amico carissimo!

    RispondiElimina
  2. Ultimamente ti fai desiderare, ragazzo mio.
    Non vuoi più bene ai tuoi lettori?
    Saluti,
    Mauro.

    RispondiElimina
  3. Una cronaca avvincente! era da un po'che non ti facevi sentire, accipicchia, ma ritorni con molto entusiasmo!Certo che 4 ore di regionale...so cosa significa farne due! un caro saluto!

    Sara

    RispondiElimina
  4. E' così che bisogna vivere Nico e tu lo sai bene.
    Chi se ne frega di un po' di stanchezza quando il cuore può sfiorarere può le stelle.
    Cristiana

    RispondiElimina
  5. Grande ritorno il tuo, ci mancavi e ci mancava Lolli, con questi suoi grandi pezzi ... dalle foto si direbbe, parafrasando il maestro, ho visto un Nico e amici felici...

    RispondiElimina
  6. Cosa sara' mai un po' di ritardo di un treno dopo simili soddisfazioni? :))

    RispondiElimina
  7. Quando sparisci per un pò c'è sempre un Lolli di mezzo... non ci abbandonare eh?! :) Ciao papy

    RispondiElimina
  8. Siete stati coraggiosissimi a viaggiare in Italia,
    in agosto e con il treno... come solo i turisti
    stranieri, possono sopportare!
    Dal tuo post si capisce che ne è valsa la pena! :-)
    Siete anche voi degli zingari felici...

    RispondiElimina
  9. Chillè, mi sa che ci tocca un "vivere a dimensione lolliana" parte seconda.....
    :o)
    solo con voi si possono realizzare questi sogni... grazie a te e a maria che sopportate e supportate ogni mia follia.
    baci
    anna

    RispondiElimina
  10. Ho aggiunto anche gli altri due video, "Ho visto anche degli zingari felici" e "Agosto", per me assolutamente da brividi, soprattutto se ascoltati dal vivo ricordando il disco originale. Alla fine della cena ho detto a Danilo Tomasetta che mi ha fatto ritornare giovane, e lui ha risposto "Anche voi a me! Ora mi avete fatto capire che devo continuare a suonare!" Sono emozioni anche queste!

    RispondiElimina
  11. Ahahahahhahah grandissimo zio Nick!!! Solo tu potevi fare una battuta del genere, sei un mito! Spero davvero di tornare a Milano presto, ultimamente non c'è stata occasione! Per la cronaca, mi sono comprato altre due copie di "Tutta colpa di Tondelli", che regalerò presto a qualcuno :)

    Caro Mauro, sì raccolgo il cicchetto e faccio anche un piccolo mea culpa per questo rallentamento, però devo dire che stavolta ci sono delle motivazioni molto più grosse e pesanti rispetto alle solite, che non sto a dire qui in un luogo troppo pubblico. Per fortuna ci sono anche weekend come questo che mi permettono di tornare a sorridere e quindi di riuscire a trasmetterlo "ai miei lettori" (mi hai fatto sorridere con questa espressione, che è certamente vera, ma mi fa sentire tanto uno scrittore che, a differenza del grande zio Scriba, io non sono proprio eheh). Comunque grazie dell'affetto :)

    Ciao Sara, mi fa sempre piacere "vederti" qui, mi hai fatto ridere quando hai detto che capisci Anna per il suo, ahimé, regionale! :) Sto cercando però di non sparire del tutto, commentandovi qua e là quando posso, e per fortuna come dicevo a Mauro questi weekend me lo permettono. Un abbraccio

    RispondiElimina
  12. Grande Cristiana, dici benissimo! Nessuna stanchezza (e ti assicuro che ce n'è stata e tanta...11 ore di macchina in 20 ore sono tante) è troppa per quello che abbiamo fatto, come la stessa Anna ribadisce!

    Bella la tua affermazione Diego, anche solo leggendo hai visto un Nico e amici felici! Proprio così, e il tutto assieme a Maria e a Anna, due delle persone più importanti della mia vita!

    Ahahah giusto Adriano! Ogni microsfiga può stare pure al suo posto davanti a simili soddisfazioni :) Grazie sie per il commento, sia per le bellissime foto che pubblichi! La tua riviera di Ponente è straordinaria!

    RispondiElimina
  13. Ahahahah e brava Sarah, dici bene, c'è sempre un Lolli di mezzo! Ebbene sì figliuola, come scrivevo a Mauro e a Sara ci sono stavolta cose più grandi di me (e ce ne vuole) che stanno causando questo rallentamento scrittorio, ma come vedi cerco sempre di esserci per quanto posso! E come potrei mai abbandonarvi? :-) E poi lo sai che Lolli è capace di questo e altro eheh... Nu bacie :)

    Grazie Berica, i tuoi commenti mi fanno sempre sentire molto vicina a te. E' bello essere degli zingari felici :) Per quanto riguarda il treno...beh, quello è stata una prerogativa di Anna! Infatti è lei che si è fatta la mattina da Paola (CS) a Roma in tre ore, e il giorno dopo da Napoli a Paola in quattro! Il resto di tutto il viaggio è avvenuto in macchina! Stancante comunque, ma appagante! Comprese le risate del giorno dopo a Napoli :)

    Anna Anna, amica mia meravigliosa (eheh ti imito...ma è facile farlo!)...le tue pazzie e follie come sai bene sono pure le nostre! Ti ricordi il viaggio dalla Svezia ad Acri di tre anni fa per vedere Lolli insieme? O quello da Roma a Catanzaro a/r in meno di una giornata per un concerto di Guccini? Del resto ci chiamiamo piedi a vicenda, no? :)
    A proposito, visto che lo citi lo linkiamo pure ===> Vivere a dimensione lolliana. E mi pare giusto!

    RispondiElimina
  14. ho finito di rileggerlo adesso e mi sono commossa sono felice di averti adottato come fratello maggiore... :o)
    ti voglio bene chillè!!!
    anna

    RispondiElimina
  15. non finirò mai di stupirmi per la tua passione per Lolli, personaggio che senza la tua amicizia mi sarebbe completamente sconosciuto.
    adesso poi devo anche riprendermi dallo shock, ho scoperto anche che esiste l'aggettivo "lolliano"... pazzesco. :D

    RispondiElimina
  16. Ciao! Viaggio ogni volta che la sento mi piace sempre di più!! bel ricordo e bel post! (carina la foto di te che ti sbellichi!) :))

    RispondiElimina
  17. Ti voglio molto bene anch'io Anna, riconosco che io e Maria abbiamo avuto parecchio culo a conoscere te e Roberto :) Questa fagliela leggere, visto che oggi è anche il suo compleanno :-)
    A proposito, hai fatto venire anche a me la voglia di rileggermi il romanzo a puntate...e quando sono arrivato a questo pezzo, che ti riporto (Mentre parliamo, non sappiamo come ci siamo ritrovati tutti seduti al bar... ma il motivo c'e'... infatti Anna e Lolli sono due alcolisti, e la prova piu' lampante ne e' la dedica che Lolli ha scritto al CD di Anna, che cosi' recita: "Ai bellissimi occhi di Anna con affetto, Claudio"... levitazione assicurata!) mi sono dovuto piegare dalle risate!

    Eheheheh grande Roby! Del resto ti ricordi quelle vignette di Enzo De Giorgi che ti dedicai l'anno scorso, dopo le quali non potrai più dire che non conosci Lolli e Capodacqua! A proposito, appena ci vediamo ti racconto anche qualcosa di Capodacqua, ne vale veramente la pena. Un abbraccio

    Grazie Fra, sì è davvero molto carina la foto, che poi è anche il termometro di quello che è stata la serata :-)
    Invece volevo dirti che il 29 agosto Lolli sarà ad Aci Trezza, non puoi non andare :) Qui ci sono i dettagli del concerto! Un abbraccio ciao

    RispondiElimina
  18. Praticamente siete quelli che gli montano il palco :D

    Il giorno che non vi vede chiama i carabinieri...

    RispondiElimina
  19. Ricordo con piacere le canzoni e la musica di Claudio Lolli, e Radicondoli, vista da me solo in un documentario televisivo dev'essere un gran bel paese.
    Buona estate,Costantino.

    RispondiElimina
  20. Trovo in te, Nico, quell'entusiasmo non tanto nel raccontare quanto nel "fare" cose che consentono alla nostra memoria di restare viva sui significati più nascosti di una musica, di parole, di segni che a volte penso con rammarico, solo noi abbiamo compreso e vissuto. Grazie per queste testimonianze

    RispondiElimina
  21. Quando è la musica che ti ha formato, vai anche in capo al mondo coi ceci sotto le piante dei piedi, ne so qualcosa, le distanze non si misurano e conta solo "esserci".

    Ciao Nico, notte buona ;-))

    RispondiElimina
  22. splendida descrizione, mi ricorda le mie traversate per i Gang o per gli YoYoMundi...

    complimenti per il blog !

    (ti ricordi Michel... !!!)

    RispondiElimina
  23. Sono appena tornato da due settimane di vacanza...ero in Sicilia! Peccato che il concerto di Lolli ad Aci Trezza è domani sera 29! GRRRRR :-)))

    Ahahahah omonimo! Non sei molto lontano dalla realtà :-) In effetti non vedermi rappresenta per Lolli ormai un elemento di preoccupazione eheheheh :) Infatti domani sera non mi vedrà...ma probebilmente mi rivedrà a settembre, e starà tranquillo ;)

    E sì Costantino, a parte Radicondoli che è proprio carino, dovresti riprovare la sensazione di vedere dal vivo il Lolli attuale! Ne vale proprio la pena per l'ironia e l'allegria che ti mette addosso pur cantando, e spesso "leggendo", quello che sappiamo tutti!

    RispondiElimina
  24. Grazie a te Loris per essere passato! Soprattutto perché leggendoti so bene quali sono le nostre affinità, e questo mi fa ancora più piacere. Il fare ti fa sentire vivo! Soprattutto fa sentire vive le idee, ormai ampiamente bistrattate e ignorate nel mondo di oggi, come fai sempre notare anche tu. Un abbraccio

    Hai ragione Tinuzza, conta solo esserci! Come a Oliveri un pochino di anni fa, quando scrissi questa cosa qui, che so ti farà particolarmente piacere leggere :)

    Grazie dei complimenti stefanover (Stefano?), mi fa molto piacere quello che dici, soprattutto una cosa...oltre che per Lolli pure io come te ho fatto queste cose anche per i Gang! :) Mi ricordo una volta quando abitavo a Milano e loro cantarono in un paesino del cuneese, Roddino!!! Mi portai anche mia suocera oltre che Maria :-))) Senti, e il tuo blog dov'è? A presto, ciao

    RispondiElimina